Chef e birra: perché ai cuochi non frega nulla della birra artigianale

da Dissapore — 14 marzo 2019 alle 11:32

Vi diranno che gli chef si stanno avvicinando alla birra di qualità e, ammaliati dal sorriso sornione dello Stregatto, Alessandro Borghese, cambierete idea sulla Leffe. Penserete che tutto sommato, se la Ichnusa cruda e la Asahi sono in quel menù milanese, tra il kombucha e una cacio e pepe sbagliata, un motivo ci sarà. E in effetti un motivo c’è: agli chef non frega nulla della birra.

Sono passati anni da quando abbiamo iniziato a studiare e comprendere il cibo, oltre che masticarlo, ingoiarlo e digerirlo, sviluppando meccanismi automatici che ci portano a leggere e interpretare le...

Continua »

Scrivi un commento