Frode in commercio per Cannavacciuolo: “il mio non è un bistrot da incubo”

da Dissapore — 22 dicembre 2017 alle 2:52

Antonino Cannavacciuolo è più abituato alle stelle (Michelin) che agli asterischi, se parliamo di simboli.

Peccato che gli asterischi mancanti nel menu del suo bistrot di via Umberto Cosmo, inaugurato lo scorso luglio, riguardassero gli alimenti surgelati.

[Antonino Cannavacciuolo Bistrot a Torino: cos’è e cosa si mangia]

Nas e Asl hanno contestato la non corretta registrazione delle materie prime consegnate in cucina con tanto di multa da 1500 euro, mentre l a moglie del giudice di MasterChef, Cinzia Primatesta, e il direttore della ristorazione Giuseppe Savoia, sono stati...

Continua »

Scrivi un commento