Gli azuki della signora Tokue

da la cucina di calycanthus — 12 marzo 2018 alle 1:26

C’è in silenzio in cucina? Oppure a tendere bene l’orecchio quello spazio tra i fuochi, il lavello e il tavolo grande è un luogo chiacchierone, pieno di parole e di cose da dire e da dirsi? Siamo sicuri che, a parte le giornate convolse in cui molte mani pensano insieme al pranzo di Natale o alla torta di un compleanno speciale, non ci siano discorsi felpati anche quando siamo da soli con le mani in pasta?

Io ci ho creduto da sempre. Almeno da quando recalcitrante mi facevo confinare a letto di mala voglia, sapendo che di là la vita continuava nella mani di mia madre (o di mia nonna). Continua »

Scrivi un commento