Vernaccia di Oristano: i difetti vanno saputi portare

da Dissapore — 12 febbraio 2018 alle 7:45

L’ossidazione del vino è un difetto. Anzi, insieme al tappo è il più grave. Un vino eccessivamente ossidato è soggetto a imbrunimento e perde completamente la brillantezza e la vivacità del suo colore iniziale.

Al naso ripugnante come una macedonia della settimana scorsa può risultare dolciastro o amarognolo in bocca, in ogni caso sgradevole. Segni inconfondibili che Bacco l’ha abbandonato.

[Scoprire il Marsala: guida completa a un vino geniale]

Qualche volta però proprio quello che in altre circostanze viene considerato un difetto può diventare un pregio. Continua »

Scrivi un commento